domenica 19 gennaio 2020

Ispezioni GDPR della GdF (un resoconto)

Alberto Bonato mi ha reso partecipe di alcune ispezioni relative al GDPR condotte dalla Guardia di finanza..

Intanto è riuscito a prendere appunti sulla check list usata, che riporto:
1) struttura ed organizzazione della società;
2) titolarità dei trattamenti;
3) distribuzione delle funzioni;
4) tipologia e natura dei dati (inclusi videosorveglianza e dati biometrici);
5) modalità di acquisizione dei consensi;
6) numero degli interessati;
7) registro dei trattamenti;
8) responsabili (esterni);
9) DPO;
10) lista dei soggetti autorizzati, istruzioni fornite e loro formazione, con messa a disposizione delle eventuali nomine ad incaricati);
11) periodo di conservazione dei dati personali (oppure i criteri);
12) procedure per i diritti degli interessati;
13) comunicazione di dati a terzi, presupposti di legittimità, categorie dei soggetti destinatari e finalità del trattamento dei destinatari;
14) modalità con cui è fornita l'informativa;
15) misure tecniche e organizzative;
16) eventuali certificazioni.

Sono un po' perplesso sul 10, ma si tratta di una check list, non di un requisito.

Il 15, a sua volta, si suddivide in:
- eventuale pseudo-anonimizzazione e cifratura;
- capacità di assicurare riservatezza, integrità e disponibilità;
- capacità di ripristino in caso di incidente fisico o tecnico;
- procedura per testare, verificare e valutare regolarmente le misure;
- principali applicazioni;
- controllo accessi (userid e password; strong authentication);
- audit interni e presso responsabili;
- eventuali alert sui sistemi;
- eventuale backup.

Si noti come siano importanti backup e controllo accessi.

In merito al punto 12 sui diritti degli interessati, la GdF ha approfondito le procedure per dare modo all’interessato di esercitare i propri diritti, chiedendo anche se fossero stati predisposti moduli automatizzati o cartacei che l'interessato potesse compilare. Ma, come dice Alberto, "si è trattato di un confronto tutto verbalizzato e che poi seguirà risposta dal Garante".

Da osservare che hanno chiesto una relazione sul sistema informatico e hanno anche chiesto di accedere ai database per verificare la corrispondenza con il registro ai trattamenti.


In merito ad aziende con trattamento di dati sanitari, si sono soffermati sulla figura del DPO, chiedendo come il titolare fosse in grado di provare la effettiva attività del DPO. Hanno anche chiesto se esistesse una procedura "per tenere traccia dei problemi inerenti il trattamento di dati personali", ossia sulla gestione del registro delle violazioni.

I controlli hanno avuto durata tra i 3 e 4 giorni, con inizio verso le 9 del mattino e chiusura verbali intorno alle 22/23 di notte.

Ho chiesto ad Alberto come si fossero comportati gli ispettori e mi ha detto che si sono dimostrati gentili, corretti e professionali. Ho pensato che invece alcuni auditor ISO si comportano in modo ben diverso e sono contento di sapere che le nostre forze dell'ordine si siano dimostrate inappuntabili.

2 commenti: