sabato 25 luglio 2020

Invalidato il Privacy Shield - Parte 3 - Le FAQ dell'EDPB

L'EDPB (ossia l'organismo di cooperazione dei garanti privacy europei) ha
pubblicato le FAQ sulla sentenza Schrems II, che pone molti limiti sui
trasferimenti di dati personali negli USA:
-
https://edpb.europa.eu/our-work-tools/our-documents/other/frequently-asked-q
uestions-judgment-court-justice-european-union_en
.

Grazie a Chiara Ponti degli Idraulici della privacy per aver condiviso il
link.

Sicuramente i trasferimenti sotto Privacy shield non sono più validi. Anzi,
sono illegali sin dal 16 luglio 2020.

Come ho già scritto, potrebbero essere usate le SCC (Standard contractual
clauses o, in italiano, Clausole contrattuali tipo), ma anche quelle hanno
dei problemi perché se la legislazione del Paese importatore non offre le
garanzie legali presenti in Europa, un contratto tra privati non può
migliorare la situazione. Stessa questione per le BCR (Binding corporate
rules o, in italiano, norme vincolanti d'impresa).

Mi sembra che i capoversi fondamentali del documento dell'EDPB siano:
"The EDPB is currently analysing the Court's judgment to determine the kind
of supplementary measures that could be provided in addition to SCCs or
BCRs, whether legal, technical or organisational measures, to transfer data
to third countries where SCCs or BCRs will not provide the sufficient level
of guarantees on their own.
The EDPB is looking further into what these supplementary measures could
consist of and will provide more guidance".

Traduco: se non sanno loro cosa fare per assicurare la validità delle SCC e
BCR anche in Paesi con legislazione che non assicura un adeguato livello di
protezione ai dati personali, io aspetto che lo sappiano e ce lo dicano.

Infine non mi pare dica niente sulle società di servizi informatici
statunitensi che però assicurano l'uso di data center in Europa. E'
sufficiente questa garanzia sull'uso di data center in Europa o no? Bisogna
infatti dire che molti contratti con questi grandi fornitori di servizi IT
non assicurano il completo rispetto della locazione geografica, come
indicato dall'analisi di EDPS sui servizi Microsoft (che avevo già segnalato
a suo tempo):
-
https://edps.europa.eu/sites/edp/files/publication/20-07-02_edps_euis_micros
oft_contract_investigation_en.html
.

giovedì 23 luglio 2020

Un piccolo libro sulla privacy, il GDPR e come attuarlo

Speravo di pubblicare un libro sulla privacy prima della fine di luglio in
modo da fornire una lettura per il mare ai più temerari. Purtroppo non ce
l'ho fatta.

Il libro non è mio, ma degli Idraulici della privacy, di cui faccio parte.
E' partito da una mia idea e io ho l'onere di pubblicarlo materialmente (lo
farò su Streetlib, come il mio "Sicurezza delle informazioni"), ma è un
prodotto collettivo.

Quindi questo messaggio è una forma di provino, come si chiamavano un tempo.

Il librino non produrrà niente di troppo originale, ma vuole essere
decisamente pratico e indicare una strada per applicare il GDPR almeno nei
casi più comuni. Io mi sono divertito molto a partecipare perché ho avuto
modo di imparare cose che avevo trascurato o, in alcuni casi, capito male.

Infine, e questa è la cosa più importante, il ricavato andrà tutto in
beneficenza. Il libro è nato durante la clausura e questa esperienza ci ha
fatto capire che, se possiamo, dobbiamo aiutare chi ne ha bisogno. Non
abbiamo ancora deciso a chi, ma lo decideremo tutti insieme.

Quindi: spero di potervi invitare ad acquistare il libro, disponibile in
tutti i negozi online, in formato epub e pdf (e forse cartaceo) dai primi di
agosto.

Invalidato il Privacy Shield - Parte 2

Sulla caduta del Privacy Shield avevo già scritto poco tempo fa.

Pierfrancesco Maistrello mi ha segnalato il sito di Schrems, ossia quello
che ha provocato la caduta:
- https://noyb.eu/en/next-steps-eu-companies-faqs.

Qui si pongono molti problemi. Insomma, mentre alcuni dicono che è
sufficiente usare le SCC o verificare se il fornitore assicura l'uso di
server in Europa, perché, essendo società statunitensi, rientrano nel FISA
702 che è una della cause per cui il Privacy Shield è caduto.

Aggiungo che anche i servizi applicativi sono colpiti da questa sentenza:
Salesforce, Hubspot, MailChimps, tutte le email su Google, Sharepoint e
OneDrive, WeTransfer e così via. E penso che anche i servizi di Zoom,
GoToMeeting e compagnia che ci hanno tenuto compagnia durante la clausura
siano colpiti.

Potrei sempre sbagliarmi.

Su Web Ius Law c'è un podcast con Alessandro Del Ninno:
-
https://webradioiuslaw.it/speciale-adeguamento-privacy-tutto-quello-che-vole
vi-sapere-sulle-clausole-contrattuali-standard/
.

Luca Bolognini e Giovanni Ziccardi hanno fatto un podcast di 90 minuti
(grazie sempre a Pierfrancesco Maistrello per il link):
-
https://zerodays.podbean.com/e/luca-bolognini-spiega-da-zero-il-caso-schrems
-ii-e-il-trasferimento-dei-dati-allestero-nel-gdpr/
.

Venerdì 24 alle 14 ci sarà un ulteriore podcast sempre con Luca Bolognini e
Giovanni Ziccardi (non so come sarà accessibile dopo quella data):
-
https://www.istitutoitalianoprivacy.it/2020/07/22/open-webinar-sugli-impatti
-della-sentenza-della-corte-di-giustizia-ue-schrems-ii/
.

Io purtroppo sono più un lettore che un ascoltatore e quindi non ho
approfondito a sufficienza la questione. Spero che:
1- il Garante si esprima in merito per aiutare a capire e agire;
2- qualcuno scriva articoli significativi sulla questione (per il momento
non ne ho visti, ma se qualcuno me li segnala gliene sarò grato).

mercoledì 22 luglio 2020

Privacy: organismi di monitoraggio dei codici di condotta

Sandro Sanna mi ha segnalato il fatto che il Garante ha stabilito i
requisiti di accreditamento degli organismi di monitoraggio dei codici di
condotta:
- https://gpdp.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9432569.

Sandro nutre il timore che questi codici di condotta potrebbero poi essere
utilizzati malamente come certi certificati.

Io penso che il rigore con cui opereranno gli Odm dipenderà da come il
Garante li controllerà. Se sono controllati con superficialità dagli OdM,
allora questi codici di condotta saranno applicati malamente.

Il mio timore è che le regole non prevedono un controllo molto significativo
degli OdM: mi pare soprattutto di tipo documentale e non c'è alcun impegno
in merito alle verifiche che il Garante si propone di fare sul campo, solo
possibilità generiche nel caso emergano elementi che richiedono dei
controlli. Mi pare anche che manchino regole in merito alla gestione delle
non conformità rilevate dal Garante.

Io sono abituato alle regole degli organismi di certificazione dei sistemi
di gestione, quindi questo approccio mi lascia perplesso. Ma chissà che
invece non sia più efficace.

sabato 18 luglio 2020

Linee guida EDPS su titolare, responsabile e contitolare

Ricordavo la pubblicazione di Linee guida su titolare, responsabile e contitolare, ma non riuscivo più a trovarle. Poi ho scoperto il perché: pensavo fossero state pubblicate dall'EDPB o dal precedente WP 29, mentre erano state pubblicate dall'EDPS (ossia, per farla breve, dal DPO delle istituzioni europee).

Il documento ha titolo "EDPS Guidelines on the concepts of controller, processor and joint controllership" e si trova qui (in inglese, francese e tedesco):
- https://edps.europa.eu/data-protection/our-work/publications/guidelines/concepts-controller-processor-and-joint_en.

Inizialmente le avevo ignorate in quanto ovvie. Però poi ci si trova sempre davanti ai "casi particolari" e queste linee guida possono tornare utili.

Ringrazio Glauco Rampogna che le ha (ri)segnalate agli Idraulici della privacy.

Invalidato il Privacy Shield per i trasferimenti dei dati negli USA

Notizia importantissima, è l'invalidamento del Privacy Shield. Per trasferire i dati negli USA (principalmente per usare i grandi fornitori di servizi informatici o di supporto) era ritenuta adeguata l'adesione al Privacy Shield dell'organizzazione ricevente. Nel 2015 era già stato invalidato il protocollo Safe Harbour, predecessore del Privacy Shield.

La sentenza completa della Court of Justice of the European Union del 16 luglio 2020 è qui (grazie a Gianluca Dalla Riva degli Idraulici della privacy):
- https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=CELEX:62018CJ0311.

Il comunicato dell'EDPS conferma l'appoggio alla posizione presa, ma non illumina su cosa fare:
- https://edps.europa.eu/press-publications/press-news/press-releases/2020/edps-statement-following-court-justice-ruling-case_en.

Per capire cosa fare, si possono leggere i comunicati stampa della Corte stessa:
- Italiano: https://curia.europa.eu/jcms/jcms/p1_3117876/en/;
- Inglese: https://curia.europa.eu/jcms/jcms/p1_3117870/en/.

In sostanza: usare le clausole contrattuali tipo.

Ci vorrà del tempo prima che i fornitori di servizi informatici stabiliti negli USA adeguino le proprie condizioni contrattuali alle clausole contrattuali tipo (qualcuno mi aiuterà, spero, a capire perchè abbiano fatto tutto il pasticcio del Privacy Shield piuttosto che usare le clausole contrattuali tipo). Fino a quel momento non si potranno usare servizi siti negli USA.

Chi invece usa servizi gestiti dagli USA ma su server in Europa (ossia, se ha scelto l'opzione dei server in Europa per esempio per i servizi IaaS e PaaS di Google, AWS e Azure) dovrebbe essere già a posto, ma sono pronto a essere smentito.

giovedì 16 luglio 2020

Rapporto EDPS sulle DPIA fatte nelle istituzioni europee

Segnalo questo articolo dal titolo "DPIA, ecco come la fanno le istituzioni europee: le best practice nel rapporto dell'EDPS":
- https://www.cybersecurity360.it/legal/privacy-dati-personali/dpia-ecco-come-si-fa-nei-paesi-europei-le-best-practice-nel-report-delledps/.

Il rapporto completo si trova sul sito dell'EDPS:
- https://edps.europa.eu/data-protection/our-work/publications/reports/edps-survey-data-protection-impact-assessments-under_en.

Trovo interessante il fatto che le DPIA siano lunghe mediamente 16 pagine. Mi sembrano poche e ne sono contento, dato che vedo spesso applicato il principio del "più pagine sono, meglio è".

EDPS ha poi analizzato come è recepito il proprio modello di DPIA. Io l'ho riguardato:
- https://edps.europa.eu/data-protection/our-work/publications/guidelines/accountability-ground-provisional-guidance_en.

Devo dire che questa guida è molto orientata all'analisi del rispetto dei principi del GDPR, più che all'analisi del rischio. Comunque da considerare.

lunedì 13 luglio 2020

Analisi EDPS sui prodotti e servizi Microsoft

L'EDPS (ossia, semplificando, il DPO delle istituzioni della UE) ha pubblicato un rapporto dal titolo "Outcome of own-initiative investigation into EU institutions' use of Microsoft products and services":
- https://edps.europa.eu/sites/edp/files/publication/20-07-02_edps_euis_microsoft_contract_investigation_en.html.

In fondo è possibile trovare il link al pdf.

In sostanza l'EDPS ha analizzato i contratti con Microsoft e ha trovato molte carenze per quanto riguarda l'applicazione del GDPR. Le cose più significative, a mio parere, sono:
- possibilità di Microsoft di aggiornare unilateralmente e senza preavviso i termini e le condizioni (addirittura Microsoft agisce come titolare);
- carenza di adeguate calusole sul diritto di audit.

C'è anche altro. Penso che, probabilmente, analisi sugli altri grandi fornitori di informatica (p.e. Amazon o Google) darebbero risultati altrettanto significativi. Rimane quindi da sperare che questo rapporto produrrà significativi miglioramenti in tutti i contratti per prodotti e servizi forniti da questi grandi attori.

Ringrazio Franco Vincenzo Ferrari di DNV GL per avermi segnalato il documento.

martedì 7 luglio 2020

Sugli SLA

Roberto Beneduci di CoreTech mi ha citato in un suo video in cui spiega gli SLA:
- https://www.linkedin.com/comm/feed/update/urn%3Ali%3Aactivity%3A6685576120831623168.

Mi rendo conto che siamo alla pubblicità reciproca (lui cita me, io cito lui; io gli gratto la schiena se lui la gratta a me o, per tirare fuori il latino, do ut des). Però mi piace molto questo approccio di presentazione di servizi e prodotti attraverso la diffusione di conoscenza, segno anche di curiosità personale e di un certo tipo di entusiasmo non comune.

Insomma: è anche pubblicità, ma di quella che a me piace e quindi spudoratamente, per questa volta, mi associo.

domenica 5 luglio 2020

Ancora sulle nuove regole per i servizi fiduciari

Poco tempo fa avevo segnalato un aggiornamento delle regole Accredia sulle certificazioni eIDAS, ossia quelle per i fornitori di servizi fiduciari regolamentati dal Regolamento eIDAS (per esempio di firme digitali e marche temporali).

Sempre a questo proposito segnalo un articolo dal titolo "Firma elettronica, le regole europee e nazionali per la conservazione dei dati", che approfondisce ulteriormente la questione:
- https://www.key4biz.it/firma-elettronica-le-regole-europee-e-nazionali-per-la-conservazione-dei-dati/312300/.

Nuove Direttive per i consumatori in ambito digitale

Segnalo questo articolo dal titolo "New Deal For Consumers, come prepararsi alle nuove regole":
- https://www.key4biz.it/new-deal-for-consumers-come-prepararsi-alle-nuove-regole/311782/.

Imparo quindi che nel 2019 furono pubblicate due Direttive che a loro volta richiederanno, entro luglio 2021, delle modifiche al Codice del comumo (D. Lgs. 205/2006).

Copio e incollo: "Le direttive fanno parte del cosiddetto "New Deal for Consumers", un insieme di prescrizioni finalizzato a modernizzare le regole di protezione dei consumatori in vista e in funzione della vertiginosa espansione dell'evoluzione digitale, che attraversa l'automazione delle attività e dei processi di business, le catene di approvvigionamento e gli stessi prodotti e servizi".

Questo è un articolo molto di base. Spero di avere l'opportunità di trovare ulteriori articoli più approfonditi.